Circolo dei Lettori: dove lo Storytelling si fa contemporaneo

febbraio 21, 2018 - 10 minutes read

Nel cuore del centro Torino, tra i grandi palazzi storici e austeri, c’è il Palazzo Graneri della Roccia, costruito alla fine del 1600, cornice del Circolo dei Lettori. Una cornice d’altri tempi – fatta di scaloni, statue, affreschi e decorazioni barocche –  che è molto più accessibile di quel che sembra.

Come ci racconta la direttrice del Maurizia Rebola, quello che rende il Circolo un punto di riferimento sono gli eventi e le attività dal taglio trasvesale e variegato che si rivolgono a diverse fasce d’età ed interessi. L’inclinazione alla contemporaneità è presente anche nella volontà di ospitare la prossima lezione della #Roundacademy, proprio sul tema della Community e sullo Storytelling testuale.

In questa instervista scopriamo in che modo il Circolo dei Lettori si conferma l’istituzione torinese di riferimento per la scrittura e la lettura – cartacea e digitale.

Azienda locale: @circololettori | Categorie: Cultura, Eventi | Città: Torino

Maurizia Rebola - Circolo dei Lettori

Maurizia Rebola – Circolo dei Lettori


Ci racconti brevemente la storia del Circolo dei Lettori?

Il Circolo nasce come Associazione Culturale nell’Ottobre 2006 per volontà dell’allora Ass. Gianni Oliva e dell’attuale Ass. alla Cultura Antonella Parigi che è stata direttore del Circolo prima di me.
In particolare Antonella realizza l’intuizione di dar vita all’unica Fondazione che si occupa della promozione del libro e della lettura a 360° e 365 giorni l’anno. Il tutto affiancato da festival e biblioteche, certo, ma come mole di attività legate a questo tipo di concept rimane unico in Europa. 
L’intuizione di Antonella e stata sempre sostenuta dalla Regione Piemonte – anche nei cambi di giunta – permettendo al Circolo di diventare una fondazione nel 2012, acquisendo uno status giuridico più importante e autorevole.
La storia del Circolo è una storia che cresce, che ingloba un festival che è Torino Spiritualità, che nel 2015 apre una nuova sede a Novara, che si occupa della programmazione estiva al Forte di Exilles e che aprirà Maison Musique a Rivoli.

arte cultura torino circolo

Sala Grande – Circolo dei Lettori – Torino

Quale è la mission che persegue il Circolo?

La mission ci siamo posti è quella di promuovere la lettura e la cultura a 360°. Vale a dire tutto quello che si avvicina al libro o che non è strettamente libro – musica, arte, enogastronomia, attività ludiche per i bambini. Tutto quello che ha una matrice culturale, noi lo sposiamo.
La missione è quella di avvicinare tutte le persone, di tutti i ceti sociali, di tutte le zone della città.

E’ questo, quindi, il motivo per cui il Circolo è accessibile a chiunque senza distinzioni?

Sì esatto, nonostante sia un aspetto non conosciuto da tutti, il che dispiace un po’. Credo molto nella condivisione degli spazi pubblici, in particolare per una fondazione pubblica che è giusto che venga vissuta da tutti, parimenti.

Circolo dei lettori - RoundAbout

Circolo dei lettori – RoundAbout

Sarà il contesto di un palazzo storico e austero che non lo fa sembrare un luogo per i giovani, cosa ne pensi?

Sì, sarà perché per entrare bisogna suonare un campanello e salire uno scalone! Questo potrebbe comunicare ai giovani una visione errata e scoraggiarli.
Tuttavia l’abbiamo reso più fruibile anche alle fasce più giovani, cercando di ammodernare gli spazi comuni: ad esempio i nostri interni, tavoli, divani e sedie, sono dello sponsor Lago Design, una casa di design contemporaneo. E devo dire che, apportato questo cambiamento, abbiamo visto molti più giovani che vengono a studiare qui. Il community table che è all’ingresso dà un’idea più fresca e contemporanea.
Inoltre, si lavora tanto anche sulla programmazione per renderla più vicina ad un pubblico giovane. Vorrei citare gli eventi sulla graphic novel – il fumetto per intenderci: abbiamo fatto molti incontri con fumettisti e illustratori che ha ricevuto una forte risposta da un target molto più giovane.
Questo posto, se è solo per persone di una certa età, non ha un futuro. Se c’è un ricambio generazionale, avrà un futuro.

Circolo dei lettori - RoundAbout

Oltre a Torino Spiritualità che prima citavi, quali sono gli altri eventi cardine del Circolo?

Torino Spiritualità è una nostra produzione interna. Il Circolo dei Lettori nasce principalmente per promuovere i gruppi di lettura, quindi dei gruppi di persone che, seguiti da un tutor, leggono dei libri, li commentano e li discutono. Ad oggi, abbiamo circa 20 gruppi dalle dimensioni più svariate e dalle tematiche più diverse: dalla letteratura spagnola, cultura politica, il Cafè Philo sulla filosofia e cinema. Questa è la base del Circolo, fatta dagli utenti più affezionati che vengono tutte le settimane.
Poi ci sono le promozioni dei libri in uscita, ci relazioniamo con editori selezionati e promuoviamo le nuove uscite che spesso vanno incontro al desiderio del pubblico.
Infine c’è una parte di programmazione che ideiamo noi, cercando di seguire la contemporaneità e le tendenze del momento. Per questo decidiamo di ospitare attività come le presentazioni, le conferenze stampa o la vostra #Roundacademy che riteniamo che siano attività attuali e addirittura necessarie. Per connettermi al vostro settore, il prossimo Giovedì 22 Febbraio ci sarà il secondo degli incontri di “Parole del Contemporaneo” e la parola chiave sarà proprio Follower.

La prossima #Roundacademy sarà sul tema Community e Storytelling; voi come raccontate il Circolo?

Per mia vocazione e formazione sono positivamente predisposta alla comunicazione digitale. Quando ho preso in mano le redini del Circolo ho dovuto lavorare molto sulla comunicazione perché credo nel potere del digitale. Abbiamo rifatto il sito, aperto un blog, i canali Facebook e Twitter vanno bene e abbiamo aperto e attivato quello di Instagram.
E’ normale che si passi anche sui quotidiani e i media più tradizionali, anche perché rimaniamo comunque un’istituzione, però il nostro storytelling ad oggi passa tanto per i social e per il digitale. Stiamo anche facendo un grossissimo lavoro su YouTube e Soundcloud. Avendo una grossa quantità di materiale d’archivio, stiamo lavorando sulla la post-produzione per trasformarlo in podcast, oppure sullo streaming per permettere una più ampia diffusione.

Come lavorate sulla vostra Community?

Per fidelizzarla, apriamo a tanti benefit che rientrano nella sottoscrizione annuale. Poi differenziamo molto la nostra proposta di eventi e attività per soddisfare ogni tipo di volere e per avvicinare altri fruitori. Inoltre, l’azione di streaming e podcast è diretta soprattutto alle altre città del resto d’Italia.

Circolo dei lettori - RoundAbout

Sala Biliardo – Circolo dei Lettori – Torino

Ci puoi anticipare gli eventi futuri che avete in programma?

Solo per quest’anno siamo stati coinvolti nell’organizzazione del Salone del Libro. Stiamo organizzando un festival per bambini e famiglie a Novara. A fine Settembre collaboreremo con Slow Food e Terramadre per la realizzazione del programma culturale, ed ospiteremo Torino Spiritualità. Ad Ottobre inaugureremo la prima edizione del Festival del Classico, e ospiteremo il Premio Morrione – premio per il giornalismo under 30.
Infine, come citavo prima, Maison Musique è uno spazio molto bello architettonicamente, sotto il castello di Rivoli, che storicamente veniva utilizzato per serate musicali di Folk Club. Noi l’abbiamo rilevato e modificato per iniziare una programmazione culturale a cavallo tra musica e letteratura.
Oltre che alla normale programmazione annuale.

Appuntamento a Sabato 3 Marzo – ore 15:30 presso la Sala della Musica del Circolo dei Lettori. Avremo il piacere di ospitare Marta Pavia – @zuccaviolina che ci racconterà come ha creato la community di #feliceadesso e Arianna Cristiano – @ariannacristiano autrice dei copy per Le Strade di Torino.

Tags: ,